Derby St.Pauli 59 anni dopo: i tifosi Amburgo hanno provato a rovinare la festa con i fuochi d’artificio

Derby St.Pauli 59 anni dopo: i tifosi Amburgo hanno provato a rovinare la festa con i fuochi d’artificio

Storico derby St.Pauli-Amburgo 2-0: risultato omologato nonostante i fuochi d’artificio HSV

di Redazione DDD

Per la prima volta dal 1960, il St. Pauli ha vinto il derby di Amburgo contro l’HSV. La partita della 2.Bundesliga, la seconda divisione del campionato tedesco, è stata però interrotta per un pò dai numerosi fuochi d’artificio introdotti clandestinamente nello stadio.

Era da 59 anni, che i fan di una squadra cult come il St. Pauli aspettavano una vittoria in casa contro il rivale HSV, l’Amburgo, l’Hamburger Sport Verein. Questa volta ci sono riusciti ed è stata festa grande, ma prima della partita i favori del pronostico erano contrari al St. Pauli, che dopo 5 giornate di campionato aveva vinto solo una volta. Nella scorsa stagione, il St. Pauli era stato umiliato davanti alla sua stessa gente dall’Amburgo: 0-4.

Ma in uno stadio elettrico, prima il gol di Diamantakos e poi l’autorete del capitano dell’Amburgo Van Drongelen hanno mandato quelli del St.Pauli in paradiso. Forse l’Amburgo allenato da Dieter Hecking ha un po’ sottovalutato l’impegno. Ma i suoi tifosi ci sono rimasti male lo stesso e sia all’inizio del secondo tempo che alla fine della partita, hanno cercato di rovinare la festa, provando a far sospendere la partita con i fuochi pirotecnici.

Ma non ci sono fuochi d’artificio che tengano, deve aver pensato l’arbitro che ha condotto la partita fino al triplice fischio finale, consentendo l’omologazione del risultato. In totale, le due squadre si sono incontrate 93 volte dal 1924. L’Hamburger SV ha vinto 59 partite e il St. Pauli ne ha vinte 20.  L’Hamburger SV è stato formato da una fusione nel 1919, mentre il St. Pauli è stato costituito come squadra di calcio separata in seguito a un divorzio con la St. Pauli TV nel 1924.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy