Milan-Atalanta 9-3, la partita con più gol in Serie A: 15 ottobre 1972, il match più prolifico del nostro campionato

Dodici gol in una partita, ancora oggi un record

di Redazione DDD

di Marco Alborghetti –

Ogni data ha un suo precedente storico, ma ciò che accadde il 15 ottobre del 1972 rimane tutt’oggi un record assoluto da battere per le squadre di Serie A: Milan-Atalanta 9-3, ben 12 gol in una sola partita, per la gioia delle migliaia di spettatori presenti allo stadio. Doveva essere una domenica come tante altre di un campionato come quello ’72-73 non particolarmente ricco di gol, data la predisposizione un po’ difensivista delle squadre.

E invece, a San Siro il Milan di Nereo Rocco in 90 minuti diede vita ad un match che avrebbe rivoluzionato l’assetto ideologico di quella stagione, e forse ispirato le stagioni più recenti.

Pierino Prati (3 reti), Alberto Bigon (altra tripletta) e Gianni Rivera (2), a cui si aggiunsero Romeo Benedetti e Lorenzo Chiarugi asfaltarono la povera Dea guidata da Giulio Corsini, che comunque aveva provato a rispondere al doppio vantaggio iniziale con il difensore Bruno Divina, ma solo dopo aver calato il 6-1 all’inizio del secondo tempo, la squadra orobica ebbe un impeto di orgoglio, siglando altri due gol della bandiera.

SCHEMI SALTATI
I fortunati presenti allo stadio raccontano ancora oggi di come quella partita mandò in cortocircuito addetti ai lavori e persino il tabellone, che ad un certo punto perse il conto dei gol, e l’intero stadio dovette tenere il computo delle reti sulle dita delle mani, tra incredulità e tanta euforia. Anche Giunti, l’arbitro del match finì le pagine del suo taccuino.

L’altra faccia della medaglia non poteva che essere delusa e attonita di fronte ad un risultato così clamoroso, tanto che lo stesso portiere nerazzurro Pianta dopo aver incassato il settimo gol, chiese il cambio dalla panchina, e alla fine del match disse: “Una batosta del genere per un portiere può essere una macchia che sporca un’intera carriera”.

Il 22 dicembre 2019, a 47 anni di distanza, l’Atalanta si prese la sua rivincita, infliggendo un sonoro 5-0 ai rossoneri a Bergamo, segno di un cinismo e di una qualità disarmante che nelle ultime stagioni ha fatto registrare risultati altrettanto roboanti (7-1 contro Udinese e 7-2 contro Lecce nell’ottobre 2019). Un record che a questo punto proprio la Dea potrebbe eguagliare o addirittura infrangere.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy