Derby FlaFlu al Flamengo, Diego Alves regola i conti col Fluminense: “Pacheco? Conosco solo una farmacia a Rio…”

Derby FlaFlu al Flamengo, Diego Alves regola i conti col Fluminense: “Pacheco? Conosco solo una farmacia a Rio…”

FlaFlu rossonero. Il Flamengo ha battuto 1-0 il Fluminense nel ritorno della finale del campionato Carioca. Pacheco (Fluminense) aveva deriso il portiere del Flamengo al momento dei rigori nella finale di coppa. E subito dopo aver vinto la doppia finale del campionato, è arrivata la risposta….

di Redazione DDD

Il Flamengo sembrava destinato a vincere il titolo già diversi giorni fa, nella finale della Taça de Rio. Se il Fla avesse vinto quella partita con il Fluminense, sarebbe stato proclamato in anticipo campione di Rio. Invece il Fluminense, il Tricolor, si era imposto ai rigori, per cui si sono rese necessarie le due finali del campionato andata e ritorno. Dopo il 2-1 dell’andata, il Flamengo ha vinto 1-0 anche il derby di Rio di ritorno. Ma i rossoneri ne hanno anche approfittato per regolare i conti della gara di coppa. Diego Alves, portiere del Flamengo, non ha perso l’occasione di restituire una provocazione.

Diego Alves

Nell’ultimo atto della Coppa di Rio della scorsa settimana, Fernando Pacheco, del Fluminense, non appena aveva trasformato il suo rigore nella serie finale che ha conferito il trofeo al Fluminense, il peruviano Pacheco si è rivolto a Diego Alves e ha provocato il portiere nell’orecchio. La tifoseria del Flamengo era impazzita sul web e sui social. A questo punto, dopo aver vinto il secondo derby consecutivo nella finale carioca, Diego Alves ha dichiarato in tv: “Pacheco? L’unico Pacheco che conosco è quello della farmacia di Rio, non ne conosco altri…”.

Porte chiuse ma Maracanà vestito a festa per il FlaFlu
Ecco come il Fluminense aveva festeggiato la coppa di Rio
Flamengo campione carioca: sui social i tifosi rossoneri deridono il Fluminense per la sua tattica di gioco nei derby…..
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy