Netflix e Tyne-Wear derby, la fiction Sunderland Til i die: la tifosa del Newcastle giudica alcuni passaggi “Imbarazzanti”

Sunderland e Newcastle: due tifosi rivali davanti alla tv

Le rivalità sono la linfa vitale del calcio visto dal punto di vista dei tifosi. Avere un club da odiare sportivamente intensifica il tuo amore per il tuo club, perché non sei loro. Le migliori rivalità sono locali e spesso coinvolgono entrambi i gruppi di tifosi che hanno più cose in comune di quanto i fan stessi siano disposti ad ammettere.

Il derby Tyne-Wear fra Sunderland e Newcastle è intenso, appassionato ed è da tempo che non si gioca, con il Newcastle in Premier League e il Sunderland in League One. Le docuserie di Netflix, “Sunderland Til I Die”, racconta la caduta dei Black Cats dalla Premier League al terzo livello. Nella seconda serie, i nuovi proprietari Stewart Donald e Charlie Methven mirano a riportare in alto il Sunderland.

FootballJoe si è seduta con un tifoso del Sunderland, Morgan Lowrie, e un tifoso del Newcastle, Charlotte Robson del podcast True Faith, per guardare alcuni momenti chiave della serie e vedere se potevano trovare un terreno comune. Ecco un esempio, dopo aver visto lo spezzone della trattativa di mercato con cui il Sunderland ha sostituito Josh Maja passato al Bordeaux con il bomber norirlandese Will Grigg proveniente dal Wigan, ecco le due versioni; la tifosa del Newcastle ha definito la trattativa “imbarazzante, si vedeva che Grigg non voleva venire”, mentre il fan del Sunderland ha riconosciuto che “sia il Sunderland che Grigg hanno avuto coraggio nel fare l’operazione, ne avevamo bisogno ma forse abbiamo speso tanto…”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy