IL PENSIERO DEL BOMBER GRECO

Pavlidis chiaro: “Vado dove mi pagano di più, noi calciatori siamo aziende…”

Pavlidis chiaro: “Vado dove mi pagano di più, noi calciatori siamo aziende…” - immagine 1
Il bomber greco dell'AZ Alkmaar, Vangelis Pavlidis, al centro di parecchie voci di mercato, ha affermato che l'aspetto economico gioca una parte quasi fondamentale nella scelta di trasferirsi in un'altra squadra...
Sergio Pace
Sergio Pace Redattore 

Più chiaro di così è impossibile. Vangelis Pavlidis, centravanti greco in forza all'AZ Alkmaar protagonista in questa stagione in Eredivisie con 29 centri (alla pari di Luuk de Jong del PSV), è entrato nel mirino di diverse squadre italiane, tra cui il Bologna. Il 25enne di Thessaloniki è insomma molto richiesto sul mercato, con il Benfica che va considerato in pole. Pavlidis, nel frattempo, ha messo le cose in chiaro riguardo alle sue scelte future.

Pavlidis chiaro: “Vado dove mi pagano di più, noi calciatori siamo aziende…”- immagine 2

Chiarissimo Pavlidis

—  

Il bomber greco dell'AZ Alkmaar, che ha sfornato la bellezza di 41 gol nelle ultime due stagioni in Eredivisie, in un'intervista rilasciata al podcast Business Review Greece ha spiegato il suo modo di vedere il calcio attuale: "Il calcio è diventato un business. Le squadre sono aziende e anche i calciatori sono diventati aziende. Tutti cercano di migliorare, di farsi conoscere e di fare soldi. Perché in fondo per un calciatore questo è un lavoro".

Pavlidis prosegue: "Ogni calciatore fa i propri ragionamenti. Ad esempio quelli che scelgono l'Arabia Saudita penso che siano spinti dalla voglia e dalla necessità di aiutare la propria famiglia, per avere una vita migliore in termini economici. Dopo i 35 anni è molto importante anche per loro avere una sicurezza. E poi questi campionati crescono grazie alla qualità dei giocatori che vi si trasferiscono".

Pavlidis chiaro: “Vado dove mi pagano di più, noi calciatori siamo aziende…”- immagine 3

Lavoro migliore? Il primo criterio

—  

L'attaccante greco ha ammesso che l'aspetto economico in un trasferimento può rivelarsi il primo criterio nella scelta: "Tutte le persone lavorano per fare soldi,  per vivere e per sopravvivere. Non puoi farlo solo per divertimento, a volte devi diventare un po' meno romantico. I soldi potrebbero essere il primo criterio nella scelta come potrebbero essere il secondo o il terzo. Il mio criterio è uno: se mi offrono un lavoro migliore, andrò dove mi pagano di più".

tutte le notizie di