DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

LA LOTTA AL VERTICE

Giovanni Marchese: “Inter-Napoli ha riaperto tutto”

MILAN, ITALY - NOVEMBER 21: Dries Mertens of Napoli scores the 3-2 goal of Napoli during the Serie A match between FC Internazionale and SSC Napoli at Stadio Giuseppe Meazza on November 21, 2021 in Milan, Italy. (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Inter tra le favorite, ma per il momento Milan e Napoli...

Redazione DDD

Riguardo all’andamento del campionato italiano, la redazione di DerbyDerbyDerby.it ha intervistato in esclusiva Giovanni Marchese, ex calciatore di Chievo, Genoa, Catania ed ex nazionale Under 21. Come giudichi il livello del campionato italiano? “Quest’anno è altissimo! Con la vittoria dell’Inter sul Napoli secondo me si è riaperto tutto”. Quali sono le squadre favorite, al momento? “Per me, nonostante i rispettivi ko, le favorite restano ancora Milan e Napoli”. Più Milan o più Napoli? “Io credo entrambe allo stesso livello. Sono due squadre molto simili”. E l’Inter? “La metto indubbiamente favorita, ma un gradino sotto Milan e Napoli. La vittoria contro i partenopei ha segnato una cesura decisamente importante”.

 (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Credi vi possano essere sorprese? “Secondo me tutti stanno sottovalutando l’Atalanta, che – gradualmente – verrà fuori. Occhio!”. La Juve ha battuto la Lazio: può farcela a risalire? “Faccio una premessa”. Prego. “La Juve è sempre la Juve e Allegri è un maestro. Però undici punti mi sembrano troppi. Certamente potrà fare la mina vagante e dare fastidio alle altre davanti”. Hai inserito il Milan nel novero delle favorite, ma lo stesso non si può sostenere fronte europeo… “La Champions League è una competizione a parte, non si possono fare paragoni con il campionato. Il Milan è tornato in Champions dopo tanti anni: saprà dire il fatto suo. Ma ci vuole tempo”. Inter e Napoli invece? Hanno la rosa strutturata per arrivare fino in fondo? “Sono due ottimi organici, ma in Champions e Europa League sarà difficile per entrambe. Ci va anche quel pizzico di fortuna, che non sempre si ha”.

Sei ormai diventato allenatore: hai qualche punto di riferimento particolare in Serie A? “Guardo a molto esempi, perché la Serie A è il campionato tatticamente più stimolante. Da ogni partita impari tantissimo! Osservo con interessa anche alla Lega Pro: con il mio Uefa A potrei allenarci. Vedremo cosa capiterà…”.

tutte le notizie di