Dinamo Tirana, il suo 19enne bomber italiano Matteo Ortolani: “Imparo da mister Cammarata e sogno gol alla Inzaghi”

Dalle giovanili italiane al provino in Albania…

di Domenico La Marca

Durante la trasmissione “Taca La Marca” in onda su Radio Musica Television è intervenuto Matteo Ortolani, centravanti della Dinamo Tirana, giovane centravanti romano nato nell’agosto 2000 che ha come idolo Totti, che ha giocato nelle giovanili del Milan e che è arrivato in Albania dopo aver indossato le maglie di Cuneo, Ternana e dei greci dell’Achairnakos. Ortolani si è soffermato sulla sua esperienza in Albania e su tanto altro.

Le sue dichiarazioni: “Il destino ha voluto che conoscessi il presidente della Dinamo Tirana, il quale mi ha dato la possibilità di mettermi alla prova, occasione che non ho sciupato trovando il gol in una partitella e convincendo il club a puntare su di me”. La scelta: “In Italia ho avuto poche possibilità, purtroppo la meritocrazia non viene premiata, pertanto mi è capitata questa opportunità con la Dinamo Tirana dove ho collezionato già 8 presenze e sono andato più volte vicino al gol. Ho deciso di trasferirmi all’estero per realizzare il mio sogno, con la Dinamo ho firmato un triennale e sono contento di questa scelta”. Mister Cammarata: “Mi piace vedere i video dei grandi centravanti, ed in tal senso sono fortunato ad avere come tecnico un ex attaccante di valore assoluto come Fabrizio Cammarata, parliamo di una persona umilissima che è sempre prodiga di consigli soprattutto nei miei confronti visto che da calciatore aveva caratteristiche simili alle mie”.

Il presidente: “Per fortuna in Albania sono stati davvero celeri a bloccare tutto, così da evitare i contagi. Il presidente del club, Marco Pontrelli, ci ha tutelati nel migliore dei modi, mettendo a disposizione delle camere di un hotel per noi che proveniamo dall’estero. Personalmente lo reputo un secondo padre ed è davvero difficile incontrare persone del genere nel mondo del calcio”. Le caratteristiche: “Mi piace giocare sul filo del fuorigioco, visto che sono molto rapido e con i piedi me la cavo abbastanza bene. Una fonte di ispirazione è sicuramente Filippo Inzaghi”. Obiettivi futuri: “Il mio obiettivo è di crescere, già sono molto contento di scendere in campo con la maglia di un club prestigioso come la Dinamo Tirana che può fare affidamento su una tifoseria importante, ovviamente il mio desiderio è di trovare la prima rete tra i professionisti.”

Giovani di valore: “Kean e Vignato sono ottimi calciatori che hanno la mia stessa età, ma apprezzo in particolare modo Zaniolo, un ragazzo che nonostante sia giovanissimo riesce a fare la differenza con la maglia della Roma, inoltre ci tengo a citare anche Cutrone che ha caratteristiche simili alle mie e che penso sia poco valorizzato”. L’idolo: “Francesco Totti è il calcio, quando parlo di lui si illuminano gli occhi, nella mia camera giallorossa ho i poster del capitano, mi sono innamorato di questo sport grazie a lui”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy