Dalla Finlandia, oggi è al Turun Palloseura: Rodney Strasser racconta tutto, il gol di Cagliari, Cassano, Maldini…

I ricordi rossoneri del centrocampista sierraleonese da marzo al Turun Palloseura

di Davide Capano, @davide_capano

Ricordate Rodney Strasser? Il centrocampista campione d’Italia nel 2011 col Milan di Allegri oggi gioca in Finlandia a Turku, con il Turun Palloseura. Ai microfoni di tuttomercatoweb.com il 30enne sierraleonese si è raccontato facendo riferimenti anche al passato rossonero e al famoso gol di Cagliari su assist di Cassano.

“Quella partita ha cambiato tanto la mia carriera – confida –. Pirlo era infortunato ed eravamo appena rientrati da Dubai. A un certo punto Allegri mi dice: ‘Vai e dai il massimo’. Feci il gol che ci diede la vittoria. Fu importantissimo perché guadagnai fiducia, e la partita seguente contro l’Udinese giocai titolare. Quand’ero bambino guardavo Maldini in televisione in Sierra Leone, mai avrei potuto immaginare di poterci giocare assieme. Anche perché era già a fine carriera, era davvero impensabile che riuscissi in così poco tempo a ritrovarmi al Milan con lui”.

L’ex Genoa, Lecce, Livorno, Parma e Reggina, inoltre, svela anche cosa ha imparato a Milanello dai colleghi più famosi: “Professionisti veri. Arrivavano sempre prima, curavano ogni dettaglio e capii perché sono arrivati a giocare ad alti livelli per così tanti anni. Io e Merkel eravamo i piccoli della squadra e gente come Ibrahimovic o Zambrotta ci davano sempre consigli”. Ibra? “Persona simpatica, non è come appare in TV. Ragazzo fantastico e con una mentalità da vincente: un leader”. La celebre scazzottata in allenamento con Onyewu? “E chi se la dimentica: eravamo tutti spaventati. Mettersi in mezzo a separarli era impossibile”.

Strasser con la maglia del Turun Palloseura

Il futuro di Strasser? “Sono già pronto per andare via, mi piacerebbe un campionato più competitivo. Per l’Italia la vedo difficile ma mi tengo aperte tutte le possibilità”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy