Crotone sogna, il presidente Vrenna: “Voglio con la Reggina il primo derby calabrese in Serie A”

Crotone sogna, il presidente Vrenna: “Voglio con la Reggina il primo derby calabrese in Serie A”

Crotone in Serie A e Reggina in Serie B, per il momento…

di Redazione DDD

Il Crotone, gestito dai Vrenna dal 1992, da 28 anni, è in questo momento un simbolo di longevità societaria. La prossima stagione, 2020-21, sarà la terza in Serie A per il club calabrese. Gianni Vrenna è soddisfatto: “Questa è la promozione più bella“, ha spiegato ai microfoni di StrettoWeb.com. Il Presidente del Crotone  ha dedicato la promozione “agli invisibili, che sono tutti quegli uomini che girano intorno alla squadra, il segretario generale, il segretario amministrativo, gli addetti allo stadio che sono il cuore della società ma spesso vengono dimenticati. C’è tanta gente che lavora intorno al nostro club e che fanno parte della nostra famiglia. Dopo mesi difficili come quelli del lockdown, è a loro che voglio rivolgere il mio primo pensiero dedicandogli questa promozione“.

Negli anni il Crotone ha sfornato talenti straordinari del calibro di Florenzi, Bernardeschi, Cataldi, Mirante, Nocerino, Gastaldello, Pellè, Ogbonna, Konko. Persino mister Gasperini ha iniziato in rossoblù la sua grande carriera da allenatore, portando per la prima volta nella storia il Crotone in serie B nel 2004. Il Presidente del Crotone è contento anche dell’affermazione della Reggina che con Luca Gallo ha appena conquistato la serie B e che vuole centrare subito il doppio salto in serie A: “Non ho il piacere di conoscere Gallo e la nuova dirigenza della Reggina, ma Reggio è una piazza importante, se ha iniziato a fare questo tipo di campagna acquisti pensa proprio che ha tutte le intenzioni di ambire alla massima serie. Spero che potremo fare un derby molto presto, magari già tra due anni, ma in serie A. Non c’è mai stato in A un derby tra due squadre calabresi, sarebbe un bel segnale di riscatto per il Sud“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy