Dopo il derby di Liverpool, Pickford perde punti anche in Nazionale: Nick Pope lo insidia e tecnicamente “deve migliorare”

L’allenatore dei portieri dell’Inghilterra Martyn Margetson ritiene che Jordan Pickford, portiere dell’Everton appena uscito dal vortice di polemiche per l’infortunio di Van Dijk nel derby di Liverpool, debba prestare maggiore attenzione ai dettagli tecnici per migliorare il suo livello per club e nazionale.

di Redazione DDD

Pickford è stato messo in panchina per la partita di Premier League dell’Everton con il Newcastle United questo mese a seguito di alcune prestazioni incostanti, ma il Ct inglese Gareth Southgate ha detto che il 26enne non ha un concorrente serio nella squadra nazionale. Margetson ha evidenziato un salvataggio che Pickford ha fatto per negare il gol a Dele Alli nell’apertura del campionato dell’Everton col Tottenham Hotspur e ha detto durante un programma tv su Sky Sports all’inizio di questa settimana che il giocatore si stava rendendo la vita difficile: “Se si guarda la sua posizione, ha virtualmente un piegamento del ginocchio di 90 gradi, che poi rende le sue mani troppo basse”, ha detto Margetson.

Jordan Pickford contro il Manchester United (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

L’analisi tecnica è proseguita: “La posizione della mano è assolutamente fondamentale per il successo di un portiere. Sono gli arti fondamentali per un portiere le mani e non devono essere troppo basse, se le mani sono un pò più in alto, la parata diventa più facile. Quando arrivi al livello di Pickford, quel tipo di dettaglio, la tua posizione finale quando gli attaccanti entrano in contatto con la palla, sono esattamente le scelte del portiere che ti fanno vincere o ti fanno perdere partite”. I media britannici hanno riferito che il portiere inglese Nick Pope potrebbe giocare dall’inizio nell’amichevole di oggi con l’Irlanda e che Pickford probabilmente tornerà per lo scontro della Nations League di domenica contro il Belgio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy