DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

SOGNAVANO IN GRANDE PRIMA DI PUTIN...

Il Mariupol FC ha pagato gli stipendi di febbraio e marzo: “Mai senza il calcio”

Il Mariupol FC ha pagato gli stipendi di febbraio e marzo: “Mai senza il calcio”- immagine 1

Una famiglia in salvo con il calcio nel cuore

Redazione DDD

"Quando finirà la guerra, torneremo più forti di prima". È la promessa di Andriy Sanin, vicepresidente del Fc Mariupol, il club della città sul mar d'Azov da settimane sotto assedio. Ormai sembra passato un secolo, ma prima del 24 febbraio proprietà e dirigenti parlavano di grandi progetti. "Eravamo ottimisti sul futuro", racconta Sanin a LaPresse. "Uno staff eccellente, un impianto sportivo tra i più moderni del paese, l'academy in grande crescita. Il sogno era la qualificazione all'Europa League". Sanin viveva a Mariupol dal 2017, con la moglie Tetyana e il figlio di 10 anni, Artem. "Un'esistenza tranquilla e felice ma dopo i primi bombardamenti, la città è rimasta senza elettricità, acqua e gas. I negozi di alimentari sono stati subito chiusi, è diventato impossibile comprare cibo. Sono andato nei villaggi vicini a chiedere aiuto. Dormivamo con i vestiti pesanti. Per bere acqua, abbiamo sciolto della neve. Ci siamo rifugiati nello scantinato dei vicini, prima di stancarci di giocare a nascondino. Ci siamo messi a dormire nella stessa stanza: 'Se una bomba ci colpisce, andremo in cielo insieme', dicevamo".

Il Mariupol FC ha pagato gli stipendi di febbraio e marzo: “Mai senza il calcio”- immagine 2

Quando le truppe russe circondano Mariupol, Sanin prende una decisione, come ha confermato Attilio Celeghini a Il Tempo: "Dopo l'ennesima notte insonne, ho detto alla famiglia: dobbiamo evadere da questo inferno". È il 21 marzo. "Siamo saliti sull'auto di mia moglie, che prima della guerra aveva fatto il pieno, con due borsoni e il nostro gatto Karmen. Il viaggio da Mariupol a Zaporizhzha è durato più di 10 ore: in tempi normali, ne impieghi tre". La famiglia Sanin è in salvo: "Le autorità ucraine ci hanno condotto a Zaporizhzha. Al centro per i rifugiati siamo stati accolti dai volontari. Dopo 25 interminabili giorni, l'incubo di Mariupol era finito. La città è completamente distrutta, non c'è più un edificio intero. La nostra casa è stata rasa al suolo".

Orrori che, per fortuna, non ha vissuto la prima squadra: "I giocatori erano in Turchia per il ritiro invernale. Il 24 febbraio, all'aeroporto di Antalya hanno scoperto che il volo di rientro era stato cancellato per la chiusura dello spazio aereo ucraino. I dirigenti della federazione turca ci hanno aiutato, ospitando la squadra. Abbiamo lavorato per trovare sistemazioni temporanee ai giocatori. Non possiamo più adempiere ai nostri obblighi economici. Ma siamo riusciti a pagare gli stipendi di febbraio. E a marzo, quelli della maggior parte dei dipendenti. Resto convinto che il futuro di Mariupol sia indissolubilmente legato al futuro dell'Ucraina, non della Russia. Il nostro paese sopravviverà e saremo in grado di far rivivere la città. Sarà più bella di prima. E non riesco a immaginare, per la nuova Mariupol, una vita senza il calcio".

tutte le notizie di