Jerome Boateng rischia il carcere: l’ex moglie Sherin ha le prove delle violenze e dei maltrattamenti

Jerome Boateng comparirà davanti alla giustizia il prossimo 10 dicembre per difendersi dalle accuse di aggressione aggravata nei confronti dell’ex moglie, Sherin Senler.

di Redazione DDD

Jerome Boateng potrebbe finire in prigione per violenza di genere. Il difensore tedesco, diventato campione del mondo con la nazionale tedesca nel 2014, è passato da eroe del calcio a cattivo dopo essere stato denunciato dalla sua ex compagna per violenze e maltrattamenti. Il 10 dicembre il calciatore, che ha appena vinto la Champions League con il Bayern Monaco, dovrà presentarsi in tribunale per testimoniare. Il denunciante farà lo stesso e mostrerà anche prove di lesioni fisiche causate dal maltrattamento di Boateng.

Jerome Boateng (Photo by Alexander Hassenstein/Getty Images)

Sebbene la denuncia sia stata presentata nel febbraio 2019, è stato solo nel settembre di quest’anno che il caso è passato all’istanza successiva. Finora, il giocatore si è difeso dalle accuse affermando che “si trattava di una questione privata essenzialmente basata su pretese non dimostrate di terzi”. Tuttavia, la giustizia assicura che ci sia un video che verifica le parole della sua ex partner. Se l’accusa verrà accolta, il calciatore dovrebbe affrontare cinque anni di carcere, anche se alcuni media tedeschi stanno ipotizzando che possa pagare una multa e rimanere libero.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy