L’appello dei tifosi non è servito, Diego Milito rompe con il Racing: lascerà il club nel prossimo dicembre.

Diego Alberto Milito ha annunciato che cesserà di essere il segretario tecnico del Racing di Avellaneda dopo le elezioni al club previste per il 20 dicembre.

di Redazione DDD

“Ho deciso di non continuare, a partire dalla prossima amministrazione, ad essere il Segretario Tecnico del club. Il motivo è molto semplice: non condivido il modello del club e le idee del presidente”, ha detto l’idolo racinguista in un video pubblicato sul suo account Instagram. “Non ho nulla di personale contro Víctor Blanco (il presidente). Sceglie semplicemente un modello di progetto che non condivido, ma ha il potere di scegliere le linee guida verso dove vuole portare il club”, ha aggiunto l’ex calciatore di Genoa e Inter in Italia, e del Real Zaragoza in Spagna.

Le altre dichiarazioni di Milito: “Questa situazione va avanti da tempo. Sono stato coinvolto tre anni fa per cercare di persuadere e mostrare un percorso diverso, quello della professionalizzazione di un settore fondamentale. Penso che abbia avuto successo. Quello che dobbiamo discutere sono modelli, idee e progetti. Ho provato a convincere il presidente a lasciarsi alle spalle vecchie politiche, operazioni che sono auto-distruttiva e inutili per il nostro club e ho proposta una diversa visione del club: quello dell’evoluzione, della tecnologia, del team di lavoro, di una buona comunicazione e connessione con il mondo. Dove l’investimento non sia considerato una spesa. Perché comunicarlo ora, in vista di una partita così importante? Ci ho pensato tutta la settimana e ho detto: i momenti non si scelgono, accadono, e io sono trasparente e non speculo su un risultato sportivo. La mia partenza è lontana dall’essere legata a uno, due o tre risultati negativi. Il mio impegno con la società, con i giocatori e con questo staff tecnico e con questi giocatori durerà fino alla fine”, ha aggiunto Milito, a pochi giorni dall’andata contro il Flamengo negli ottavi di finale della Copa Libertadores.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy