DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

DUE ORE E MEZZA DI RIUNIONE FRA ALLENATORE E SQUADRA

Vertice Hertha il mattino dopo il derby: tra pattuglie della Polizia e le “riflessioni” di Magath

Vertice Hertha il mattino dopo il derby: tra pattuglie della Polizia e le “riflessioni” di Magath

Fa discutere la scelta di alcuni giocatori Hertha di accettare di togliersi la maglia, da "indegni", su pressione degli ultras...

Redazione DDD

Il derby di Berlino il giorno dopo. Felix Magath ha avuto molto di cui parlare con i suoi giocatori, che erano stati umiliati dai propri tifosi dopo la consegna della maglia al termine del derby perso 4-1 in casa contro l'Union Berlino. C'è stata un'analisi mattutina extra, molto lunga, nello spogliatoio in mattoni rossi il giorno dopo la partita, a margine del campo di allenamento. I giocatori non sono entrati in campo fino a due ore e mezza buone dopo le 10:00, l'orario d'inizio precedentemente stabilito per l'inizio della seduta di lavoro post-derby. Diverse auto della polizia hanno pattugliato la zona per motivi di sicurezza. Già prima di rivolgersi ai propri giocatori, l'allenatore ha ammesso alla tv Bild di aver iniziato a riflettere lui stesso.

"Come faccio a convincere i giocatori a lavorare insieme in campo, difendersi insieme, combattere insieme, in questa situazione confusa e intimidatoria?". Magath si è formulato la domanda cruciale. La maglia dell'Hertha, a derby perso, è stata consegnata come uno scalpo agli ultras indignati che erano tornati allo Stadio Olimpico per la prima volta dalla pandemia. L'amministratore delegato Fredi Bobic è ancora amareggiato per le foto di sabato sera dopo il derby. "Chiedono ai ragazzi di rinunciare alla maglia perché non sono degni di indossarla: si valica una linea che non credo vada bene".

tutte le notizie di