Bulgaria, la verà rivalità della capitale è ancora Levski-CSKA Sofia: il CSKA 1948 ha ancora pochissimi tifosi…

Quando giocano Levski e CSKA Sofia, l’odio sportivo è grande come nel derby di Belgrado. Non tra tifosi ordinari, ma teppisti, la violenza è comune e non avrebbe potuto essere prevenuta nemmeno durante l’era comunista. Ma adesso chi è il vero rivale del Levski? Il CSKA o il CSKA 1948?

di Redazione DDD

l Levski è stato fondato nel 1913 e prende il nome dall’eroe della lotta per l’indipendenza quando i turchi lo impiccarono nel 1873. “Levski significa libertà”, cantano i tifosi di questo club che si vantano di essere anticomunisti e che, come lo Spartak di Mosca, sono sempre stati visti con sospetto durante l’era comunista. Il CSKA, come suggerisce il nome, è figlio dell’esercito, ha visto la luce nel 1948. Pochi anni dopo, spinti dallo Stato, sono riusciti a realizzare una serie di nove titoli di fila. Le partite si giocavano sempre allo stadio nazionale, in modo che la polizia potesse controllare più facilmente i tifosi e reprimere la violenza che minacciava di trasformarsi in qualcosa di di verso, di più politico, al di fuori del calcio. La finale di Coppa di Bulgaria del 1985 è sembrata una rissa da bar più che una partita di calcio, quindi in quel momento entrambi i club, così come i giocatori, sono stati severamente puniti. Ma, dopo la caduta dell’URSS e la caduta dell’onnipotente Todor Zhivkov dalla poltrona di capo dello stato, sono state abolite molte regole e ci sono state molte prescrizioni.

Nonostante gli investimenti all’inizio di questo secolo, che ne hanno ridotto la qualità, sia il Levski che il CSKA hanno raggiunto le semifinali delle coppe europee sono stati nei quarti di finale sei volte, dopo il crollo dell’Impero Rosso, ad esempio il Levski ha giocato i quarti di finale nel 2006 in Coppa UEFA. Il calcio però è cambiato: i teppisti del Levski hanno interrotto le partite, persino le conferenze stampa, quando, ad esempio, Ivaylo Petev è stato nominato allenatore senza il loro consenso. Hanno anche colpito l’allenatore del CSKA Mladenov con un nodulo in cui c’era presumibilmente un sasso, quindi è svenuto durante il derby e Levski lo ha accusato di essere un cattivo attore. Il CSKA ha avuto problemi finanziari, è andato in bancarotta, ma si è fuso con il Litex, cosa che i tifosi non accettano.

Ora è arrivato anche il CSKA 1948, il che complica ulteriormente le cose. Il Levski è da tempo senza titoli, altri club hanno preso il primato in Bulgaria (leggi Ludogorets), ma il “Club del popolo”, come amano definirsi, è indebitato. Il leggendario Nasko Sirakov, ex membro della nazionale, ha il 51% delle azioni, hanno deciso di cancellare dalla squadra dgli stranieri, per costringere i giocatori nazionali, anche se sei legionari sono ancora nel club. Né Levski né CSKA 1948 hanno ottenuto molte vittorie in questa stagione, ma il nuovo arrivato raramente perde e sarà un osso duro. Per fortuna, dicono i maligni, non hanno molti tifosi, altrimenti si parlerebbe molto di più di violenza che di calcio…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy