TERRA D'ALBIONE, TERRA DI GLORIA

Dopo Hearts-Fiorentina: i derby di Pasquale Bruno, uno scozzese italiano

Dopo Hearts-Fiorentina: i derby di Pasquale Bruno, uno scozzese italiano - immagine 1
Il day after di Hearts-Fiorentina visto dal difensore, che in Scozia giocava in giacca a cravatta e in viola ricorda le scorribande con Cecchi Gori, un viaggio nella memoria in terra d’Albione

Redazione DDD

di Salvatore Boemi -

Pasquale Bruno, il Difensore degli anni 90, coriaceo, leader e trascinatore della Juventus, Torino e Fiorentina, ha vissuto ieri sera una notte speciale in quel di Edimburgo prima del fischio d’inizio di Hearts-Fiorentina valevole per la terza giornata di Conference League. Il 30 giugno 1993 Pasquale Bruno passa da leggenda del Torino (iscritto nella Hall of Fame della squadre granata) alla Fiorentina di Cecchi Gori per la cifra di 1,5 miliardi di lire, firmando un contratto biennale da 650 milioni di lire netti annui, tornando a giocare in Serie B dopo 9 stagioni consecutive in Serie A, dove non lascia proprio il segno, andando quasi sempre allo scontro con il Patron Viola per la storia, che a Firenze mescola sempre leggenda e realtà, delle numerose multe rifilate a Pasquale per i suoi comportamenti.

Ed è proprio qui che nasce la stella Pasquale Bruno in terra d’Albione…

Facciamo un salto nel passato, e torniamo con la mente al 4 Novembre 1995, qui entra in scena Pasquale Bruno, prima volta per il difensore leccese in Terra di Scozia, terra di conquistatori da Robert Wallace e il suo Freedom al coro intonato dai sostenitori degli Hearts "Bruno, Bruno, Bruno", la conquista dell’italiano in terra d’Albione è pressoché immediata.

Dopo Hearts-Fiorentina: i derby di Pasquale Bruno, uno scozzese italiano- immagine 2

Hearts-Partick Thistle, il debutto di Pasquale Bruno, 3 reti a 0, prestazione da leader, senza nessun minimo di sbavatura, Hearts supporters in visibillio, stregati, sotto una pioggia incessante di novembre dalle parti di Tynecastle, è atterrata una stella, la stella di Pasquale Bruno. Mike Aitken nel suo articolo pubblicato nel giornale nazionale ‘The Scotsman’ indica la prestazione di Pasquale Bruno come d’ordinaria amministrazione in campo, ma eroe della gente (folk hero) tra la speranzosa folla di Tynecastle, portando con la sua esperienza maturate fra Juventus, Torino e Fiorentina, la sensazione di sicurezza ai suoi compagni, quando c’era lui in campo I suoi compagni si sentivano al sicuro. Poteva giocare, in giacca e cravatta, si lasciò scappare in confidenza il ‘Chairman’ dell’epoca Chris Robinson, durante la prima partita contro il Partick Thistle, in inglese questa sua affermazione recita così ‘He could have played in his jacket, shirt and tie.’, altra sinfonia, altra lingua, altra cultura, la cultura italiana in Scozia, Pasquale Bruno ambassador.

Dalla Fiorentina, agli Hearts, dalla Serie A dell’epoca al freddo campionato Scozzese, Pasquale Bruno divenne subito l’idolo dell’Edimburgo Gorgie side, sottolineando il fatto che in Scozia non esistesse il problema dei cartellini con gli arbitri. In Italia, Bruno ha collezionato ben 9 espulsioni e 102 cartellini gialli, totalizzando più di 50 sospensioni durante la sua carriera, iniziata nel 1979 nel Lecce e terminata nel 1998 nel Wigan in Inghilterra. In Scozia collezionò 2 cartellini rossi, in 37 partite, non male come rullino di marcia, considerando il fatto che ‘O Animale’, nickname affibiato in Italia, si trasferi’ principalmente dal Belpaese per approdare in Scozia perché secondo lui la gestione cartellini con arbritri italiani era diventata ingestibile, ‘fischiavano ogni fallo e mi redarguivano ad ogni pie’ sospinto.’

Biennale a 300 milioni di lire annui, il contratto firmato da Bruno per approdare in Scozia, dal 1995 al 1997, richiestissimo da tantissime squadre, finì la sua carriera giocando per un totale di 45 minuti nel Wigan, prima di ritornare in Italia dedicandosi al calcio di promozione nel Delta San Donato nella sua Lecce.

55.9391° N, 3.2315° W, sono queste le coordinate del Tynecastle Park dove si è giocato il primo derby stagionale di Pasquale Bruno presente ieri allo stadio, risultato 0-3 e prima vittoria in trasferta per la Fiorentina di Vincenzo Italiano da Aprile 2022… appuntamento alla prossima settimana in quel di Firenze, il secondo Derby di Pasquale Bruno, questa volta andrà in scena allo Stadio Artemio Franchi, 43.7808° N, 11.2826° E.

 

tutte le notizie di