DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

GUAI A PASSARE DA UNA SQUADRA ALL'ALTRA...

Nella Shahravard vale tutto: il fanatismo e la competitività del derby di Teheran

Nella Shahravard vale tutto: il fanatismo e la competitività del derby di Teheran

Ecco come descrivere l'intero calcio iraniano in poche parole: follia, passione, fanatismo e patriottismo.

Redazione DDD

Repubblica Islamica dell'Iran. Uno stato teocratico creato sul suolo di antiche civiltà. Un'oasi di tradizione, ospitalità, bellezze naturali, misticismo, rivoluzione, religione, arte, scienza, gastronomia, architettura orientale, commercio e sport. Teheran. Una megalopoli ai piedi del monte Aalborg circondata da deserti. Una città che respira passione in due ore di affascinante derby tra Persepolis ed Esteghlal. Gli iraniani hanno conosciuto il calcio per la prima volta alla fine del XIX secolo. I lavoratori britannici nelle città portuali resero il gioco più popolare e iniziarono a essere fondati i primi club, e il calciatore iraniano Sadagiani, che all'epoca indossava la maglia della belga Charlotte e poi del Fenerbahce, con il suo ritorno nel paese contribuì allo sviluppo del calcio. Il primo campionato iniziò nel 1960. Fino a quarant'anni fa, il wrestling era l'attività collaterale più importante in quel paese. Oggi, l'Iran è la nazione più calcistica in Asia, in quanto paese che ha partecipato cinque volte ai Mondiali, ha conquistato la coppa d'Asia tre volte ed è stato terzo in quattro partecipazioni. Hanno particolarmente successo nel beach soccer come due volte campioni d'Asia e il terzo posto nella rassegna delle migliori squadre nazionali. La squadra iraniana di futsal è tra le prime squadre mondiali con numerosi titoli di campioni in tornei importanti. L'arbitro Alireza Fagani è considerato il migliore come si è visto alle Olimpiadi di Rio 2016.

 Immagini storiche del calcio iraniano

Circa il 90 per cento della popolazione sostiene uno dei due grandi club: Persepolis o Esteghlal. Non manca il sostegno della diaspora e anche milioni di persone in Medio Oriente al di fuori dell'Iran si dividono questi due grandi club. I fan sono per lo più divisi in classi, ma sono d'accordo su uno slogan: "Abbasso l'America". La scelta del club è importante quanto l'espressa identità nazionale di cui è parte inscindibile. Il giorno del derby, Teheran appare dipinta di blu e rosso. I registratori di cassa sono circondati. Lo stadio Azadi Dupke è pieno. L'impianto sportivo prende il nome dalla libertà e ospita le squadre nazionali di Iran, Persepolis ed Esteghlal. Le sedie vengono rimosse e rimane solo la struttura in cemento per raddoppiare la capienza, mentre decine di migliaia di fanatici combattono fisicamente per sfondare fino all'ingresso. Le forze di polizia fanno sempre di tutto per evitare il caos, ma la situazione è quasi sempre fuori controllo a causa delle forti emozioni. I ritratti dei leader di Khamenei e Khomeini dominano lo stadio. L'Esteghlal è il club più antico fondato nel 1945 poco dopo la Conferenza di Teheran da ciclisti che gli diedero il nome Savaran che significa proprio questo. Quattro anni dopo fu ribattezzato Taj, che significa "corona" in persiano, e fin dall'inizio fu accompagnato da un esercito di fan. È considerato un club con un passato glorioso che è stato il primo ad essere riconosciuto come istituzione in tutta l'Asia. Fino alla rivoluzione, ha governato incontrastato il calcio iraniano, vincendo la Champions League asiatica nel 1970. Nel corso della storia, è stato aiutato dal governo e da ricchi uomini d'affari. Con la svolta politica, al club fu dato un nuovo nome Esteghlal, che corrisponde allo spirito della rivoluzione e tradotto dal persiano significa Indipendenza.

Il Persepolis è stato fondato nel 1963 dal pugile iraniano Abdo. Il suo destino è stato determinato dallo scioglimento del famoso Shahin nel 1967, e la dirigenza ha approfittato del momento storico e ha portato al Persepolis la maggior parte dei giocatori dell'ex club. Da quel momento i Reds diventano dominanti. Il primo derby si giocò il 5 aprile 1968 e terminò in parità. Nelle tre partite successive Esteglal ha festeggiato con un 3-0 e cinque anni dopo il Persepolis si è preso la rivincita con la più grande vittoria finora registrata. 6-0 con una tripletta di Bejadi. Il quarantatreesimo derby giocato nel 1995 è stato segnato da gravi incidenti, volavano i sassi e c'è stata una rissa di massa allo stadio per presunti torti arbitrali. La Federcalcio iraniana ha deciso di assumere principalmente arbitri europei (fra cui anche gli italiani Rodomonti e Rosetti) esclusivamente per le partite del derby. Cinque anni dopo, altro scenario epocale. Il leggendario portiere del Persepolis, Parviz Brounmand, ha deciso di unirsi ai ranghi del più grande rivale, motivo per cui ha subito una terribile pressione da parte dei tifosi e del pubblico. Non è riuscito a mantenere la concentrazione e ha commesso un errore cruciale all'86esimo minuto: ha preso gol e l'intero stadio lo ha deriso invocando la giustizia karmica. Tuttavia, il famoso iraniano Maradona Ali Karimi lo ha salvato dalla crocifissione, segnando il gol del 2-2 un minuto prima della fine del match. Mentre i giocatori di Esteghlal si abbracciavano, lo stesso portiere e l'attaccante avversario Payan Rafat, vennero alle mani dopo essersi beccati per tutto il match. La guerra dal campo si è diffusa per le strade di Teheran. Quel giorno, i fan hanno letteralmente demolito tutto ciò su cui potevano mettere le mani. Distrutte fino a 250 autobus, centinaia di vetrine e automobili. Andare nella squadra rivale è il peccato più grande. Ci si aspetta che i giocatori che decidono una mossa così coraggiosa o folle siano messi alla gogna. Insulti, scherno, umiliazione e stalking fanno parte del rituale. Così, Mehdi Hasheminasab, che si è trasferito dal Persepolis all'Esteghlal nel 2000, è scoppiato sotto la pressione del terrore, si è coperto il viso con le mani e ha pianto come un bambino davanti a uno stadio pieno. Però attenzione, la morte del capitano e attaccante del Persepolis, Hadi Norouzi, che in precedenza aveva sofferto per mesi di pressioni ed era morto nel sonno a causa di un infarto nel 2015, ha unito per la prima volta i tifosi di entrambi i club. In segno di rispetto, i tifosi di entrambi i club hanno cantato simbolicamente il suo nome al 24esimo minuto secondo il numero sulla maglia che indossava.

In farsi il derby viene chiamato Shahravard, che equivale più o meno all’italiano “stracittadina”. Dalla rivoluzione islamica del 1979, alle donne è stato severamente vietato assistere alle partite delle squadre maschili, cosa che ha incontrato forti resistenze e ripercussioni all'interno del paese e nel mondo. Le donne che hanno cercato di travestirsi da uomini sono state arrestate, mentre una fan dell'Esteghlal si è data fuoco davanti al tribunale per protesta. Entrambi i club sono di proprietà statale. Nonostante il budget delle squadre iraniane sia piuttosto modesto rispetto alle altre della prestigiosa competizione asiatica, non è raro che arrivino in finale sulle ali del supporto frenetico dei tifosi. Gli iraniani sono orgogliosi del loro calcio nel suo insieme, e soprattutto del derby, considerato uno dei più intensi del pianeta e il più grande dell'Asia.

tutte le notizie di