“Dresda dobbiamo restare uniti nel momento di crisi”: ma lo striscione dei tifosi non piace ai poliziotti….

“Dresda dobbiamo restare uniti nel momento di crisi”: ma lo striscione dei tifosi non piace ai poliziotti….

75 anni dopo il bombardamento di Dresda, un fatto spiacevole nel cuore dell’emergenza da Coronavirus

di Redazione DDD

Nel febbraio del 1945, Dresda ha subìto uno dei bombardamenti più devastanti della Seconda guerra mondiale. Fa specie che 75 anni dopo la città si perda letteralmente in un bicchier d’acqua per uno striscione dei tifosi del calcio in un momento di crisi globale.  Come in molte città della Germania, infatti anche a Dresda è stato esposto uno striscione incoraggiando la città nel pieno dell’emergenza Coronavirus: “Dresda ha sempre dimostrato che restare uniti aiuta nei momenti del bisogno. Supereremo anche questa crisi”, è stato il messaggio alla città da parte degli ultras della Dinamo Dynamo.

Sulla home page del club, il dirigente della Dynamo Michael Born ha dichiarato: “Un’altra fantastica iniziativa della nostra schiera di tifosi più attivi. Vorremmo che questo banner fosse esposto in modo prominente per alcuni giorni. Forse il consiglio comunale può discutere con i tifosi per trovare un luogo adatto”. Ecco, deve essere stato proprio questo il problema perchè, “sfortunatamente”, le immagini mostrano la polizia locale che rimuove lo striscione, a quanto pare meno di 30 minuti dopo la sua esposizione.

Arrivano i poliziotti….contro lo striscione di solidarietà e incoraggiamento…
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy