DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

ANCHE I GENOANI RATTRISTATI DALLA SCOMPARSA DEL TIFOSO RIVALE

Gli onori del derby e la commozione dal Ponte Morandi: aperta inchiesta dopo la morte di Fantoni

Gli onori del derby e la commozione dal Ponte Morandi: aperta inchiesta dopo la morte di Fantoni

Gli strascichi della morte in un incidente di Giacomo Fantoni, capo ultras della Samp.

Redazione DDD

La procura di Genova ha avviato un'indagine per fare luce sulle condizioni della sopraelevata dopo l'incidente mortale in cui ha perso la vita Giacomo Fantoni. L’uomo, 43 anni, capo-ultras della curva sampdoriana, era nipote del compianto sindaco di Rapallo Turpini e figlio del sindaco di Montoggio Mauro Fantoni. Secondo la ricostruzione, avrebbe perso il controllo del suo mezzo a due ruote mente percorreva la sopraelevata di Genova. Per la gravità dell’impatto il giovane è morto sul colpo.

Stando a quanto accertato finora, come conferma Genovatoday.it. il decesso sarebbe stato causato dallo schianto fra la moto e un palo della luce nella notte fra giovedì 23 e venerdì 24 dicembre 2021, mentre il centauro viaggiava verso Ponente. Oltre a quella dei tifosi del Genoa, è arrivata anche la solidarietà del governatore ligure Giovanni Toti: "A nome mio e di tutta la giunta regionale esprimo il più sentito cordoglio al sindaco di Montoggio Faustino Mauro Fantoni e alla sua famiglia per la prematura e tragica scomparsa del figlio Giacomo. Un pensiero anche ai tifosi della Sampdoria che in queste ore ricordano commossi il loro Capo degli Ultras".

Toccante il ricordo di "Quelli del Ponte Morandi" sulla loro pagina Facebook: "La nostra Associazione Quelli del Ponte Morandi, vuole ricordare e ringraziare ancora una volta Giacomo Fantoni capo Ultras della Sampdoria, deceduto giovedì 23 sera in un tragico incidente stradale. Persona intelligente sensibile e discreta dedita alla solidarietà VERA, quella dei fatti concreti e non delle parole, quelle delle strette di mano abbracci sentiti e di cuore. Ricordiamo con commozione l'incontro con una nostra delegazione di sfollati per organizzare e pianificare un'idea bellissima trasformatasi in realtà: il fantastico dono di un'elettrodomestico grande o di 2 piccoli ad ognuno delle famiglie sfollate che ne avessero fatto richiesta, dopo aver perso ogni cosa. Il tutto attraverso una raccolta fondi grazie alla vendita di migliaia di magliette, durante il primo incontro casalingo della Sampdoria contro il Napoli subito dopo il crollo del Ponte Morandi. Di questo percorso fatto insieme agli Ultras Tito Cucchiaroni ricordiamo con orgoglio e nostalgia l'invito e l'accoglienza ricevuta a giugno 2019 in occasione della loro festa presso l'Arena del mare alla Foce. Ci piace pensare, come la loro maglietta ricorda, che Giacomo possa davvero da lassù, godere della vista di quei magici colori che tanto amava per le nostre strade. R.I.P".

 

tutte le notizie di