Gremio in campo con la mascherina per protesta, Renato Portaluppi: “Siamo persone anche noi”

Gremio in campo con la mascherina per protesta, Renato Portaluppi: “Siamo persone anche noi”

Gremio-Sao Luiz 3-2 a porte chiuse: i giocatori del Grêmio indossavano maschere facciali nella loro partita a porte chiuse. per protestare per il fatto di aver dovuto giocare.

di Redazione DDD

I giocatori del Gremio, squadra che milita nella massima divisione brasiliana, hanno deciso di scendere in campo contro il Sao Luiz con le mascherine, per protestare contro la mancata sospensione del Campeonato Gaúcho, il campionato statale del Rio Grande do Sul. Un gesto che ricorda quello del Pescara di poche settimane fa, quando la squadra, compiendo lo stesso gesto, aveva chiesto la sospensione della Serie B.

Gremio in campo con la mascherina, per protestare contro la prosecuzione del campionato

La protesta ha visto protagonista anche il tecnico del Gremio Renato Portaluppi, ex oggetto misterioso della Roma: anche lui con la mascherina in panchina. Renato non ha gradito l’imposizione della sua stessa dirigenza che ha deciso di sostenere la tesi della federcalcio dello stato brasiliano del Rio Grande do Sul, secondo cui non bisogna fermare il campionato gaùcho nonostante l’emergenza del Coronavirus.

Le dichiarazioni di Renato: “Protestiamo perchè anche noi calciatori e gente del calcio siamo persone. Gli spettatori vengono protetti con le porte chiuse, impedendo loro di andare allo stadio, ma a noi chi pensa? Deve fermarsi il Brasile intero e se non succederà che se ne assumano le conseguenze. Oppure vogliono che scioperiamo? La vita non ha prezzo, siamo esseri umani e abbiamo una famiglia anche noi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy