Mino Raiola rispolvera il grande Febo Conti: “Dove andrà Ibra? Chissà chi lo sa…”

Mino Raiola rispolvera il grande Febo Conti: “Dove andrà Ibra? Chissà chi lo sa…”

Bologna-Milan e Ibra

di Redazione DDD

di Mattia Marinelli –

Raiola: “Se Zlatan tornasse in Serie A, aumenterebbe l’appeal, sia a livello tecnico che televisivo, quanti Paesi accenderebbero la tv nel weekend…Il ritiro? Non escludo nulla, ma è molto difficile, Ibra sta ancora benissimo. Dove andrà? Chissà, siamo uomini liberi”. Intanto l’ombra di Ibra su bologna-Milan: dentro Kris Piatek: cross e fiducia per spronarlo. Inserimenti e lavoro sulle fasce per andare in soccorso del polacco. Pioli lo conforta: “Non è un problema. Ibra? Babbo Natale arriva il 25…”.Il ventenne portoghese Rafael Leao comincerà dalla panchina anche a Bologna.

Proprio così, a Bologna contro l’ex Mihajlovic, Pioli dà fiducia al polacco e su Zlatan dice: “Aspettiamo il 25 dicembre…”. Stefano Pioli ha tirato fuori gli artigli. E ha avvisato gli esponenti della panchina, in privato: “Chi dovesse entrare in modo svogliato, ne pagherà le conseguenze”. Così, alla vigilia di Bologna-Milan, si è espresso Stefano Pioli: “Sappiamo bene che il Bologna è più forte quando c’è Sinisa in panchina, ma io auguro lo stesso di poterlo trovare in campo e di poterlo affrontare. Tifo Bologna, per come la società e la città si sono strette a lui”.

Dal canto suo, il Milan come club è stato inserito dal presidente del Real Madrid Perez tra gli 8 fondatori della World Football Club Association. a proposito, rinnovo? Jack è un po’ imbronciato, può appellarsi alla legge del campo, l’unica in grado di dare risposte certe. Bonaventura ha fatto bene da quando è rientrato e ha dato al Milan i segnali che il Milan chiedeva. Lui al Milan ci resterebbe volentieri. Sempre Ibra e sempre Bologna-Milan, Skorupski: “Se Ibra venisse a Bologna, lo aspetteremmo a braccia aperte”. C’è anche il Napoli in coda: lo svedese è un pallino di Aurelio De Laurentiis.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy