Occhio Liverpool: dopo Anfield è messo meglio il Napoli per la qualificazione agli Ottavi

Occhio Liverpool: dopo Anfield è messo meglio il Napoli per la qualificazione agli Ottavi

Gli effetti del pareggio tra Liverpool e Napoli

di Redazione DDD

analisi Facebook di Roberto Beccantini –

Il muro: il Napoli di Anfield. Già senza Insigne e Milik, Ancelotti lascia fuori persino Callejon. Il gol di Martens aiuta a cementare la partita. Se il Liverpool non è il solito Liverpool, e non lo sarà quasi mai, la risposta va trovata – soprattutto – nella gabbia in cui lo ficcano Allan, Koulibaly (in versione portiere, addirittura), Manolas.

Per uscirne, serviranno un corner e una capocciata di Lovren. Non le sponde di Firmino, il migliore, e neppure i dribbling di Mané o Salah.

Sappiamo da quale momento veniva, il Napoli: il braccio di ferro presidente-giocatori, le multe per aria, un’atmosfera non proprio kafkiana. E i campioni d’Europa, loro, sempre primi del gruppo ma non ancora sicuri degli ottavi: occhio, a Salisburgo. Paradossalmente, sta meglio il Napoli: riceverà il Genk, gli basta un pari. Tornando alla partita: ogni volta che vedo un catenaccio mi commuovo. Specialmente ad Anfield. Torno bambino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy