Pulcini, il PSG di Pino Torinese si ferma davanti a insulti e minacce: #Ionongioco più

Pulcini, il PSG di Pino Torinese si ferma davanti a insulti e minacce: #Ionongioco più

Una società che schiera i bambini chiede più ispettori federali e più controlli

di Redazione DDD

Sotto accusa il comportamento di alcuni tifosi del San Giacomo Chieri. Pesantissimo comunicato del club di Pino Torinese: “Bimbi in lacrime, non volevano più giocare. La società provvederà a inviar regolare referto in federazione accompagnato da un esposto per chiedere l’apertura di un’indagine che possa accertare le responsabilità dei fatti”

Nasce l’hashtag, in presenza di fatti del genere: #Ionongioco più

Ecco il racconto dal sito ufficiale PSG Calcio: Al campo di Pino Torinese fila tutto liscio per buona parte della partita. In campo tutti i bambini rispettano il fairplay, ma un genitore della squadra ospite dà il via alle proteste per un presunto rigore non assegnato con prontezza dal dirigente della squadra di casa impegnato nell’auto-arbitraggio. Insulti pesanti e minacce da parte di alcuni genitori e gara sospesa, una mamma risponde e rischia l’aggressione. Bimbi in lacrime.
Durante la partita della categoria Pulcini (classe 2010) tra Psg Calcio e San Giacomo Chieri che si è disputata a Pino Torinese ieri (domenica), si sono verificati fatti incresciosi. 
Eccoli nel dettaglio: durante il secondo tempo della gara il dirigente avversario inizia a insultare il nostro addetto all’auto-arbitraggio che fino ad allora non era intervenuto in nessuna occasione per la evidente correttezza dei bambini in campo.

Nel terzo tempo della gara un bimbo del PSG atterra in area un avversario. Da fuori un genitore inizia ad inveire contro l’arbitro per il “non repentino” fischio con assegnazione del calcio di rigore, e si “appende” alla rete del campo continuando a urlare. Lo stesso poco dopo insulta una mamma del PSG che sugli spalti tenta di sedare la sua ira. Da quel momento il “tifo” ospite si “scalda”, protestando per ogni contatto. In campo anche la squadra ospite inizia a manifestare un atteggiamento aggressivo, alcuni bambini colpiscono gli avversari spesso a palla lontana.

Un bimbo del PSG interviene duramente su palla e avversario e da fuori viene apostrofato come “stronzo”, il bimbo avversario intanto reagisce spintonando il nostro e buttandolo a terra. Sul punteggio di 3- 3 un bimbo del PSG subisce un fallo e in lacrime rialzandosi va verso la panchina dicendo all’allenatore di non voler più giocare. In occasione dell’ultimo gol del PSG due bimbi del San Giacomo atterrano altri due bimbi del PSG, non in possesso di palla. La reazione delll’istruttore della squadra ospite è passiva, non assume nessun provvedimento e non riprende il gesto.

Il PSG Calcio – che ha a cuore gli aspetti etici dell’attività calcistica giovanile e si impegna per promuovere valori come lealtà, educazione, correttezza e cultura sportiva – condanna e denuncia quanto accaduto. La società provvederà a inviare regolare referto in Federazione accompagnato da un esposto per chiedere l’apertura di un’indagine che possa accertare le responsabilità dei fatti. E invita la Figc a mandare osservatori e ispettori sui campi del settore giovanile per verificare quanto sta accadendo e prendere provvedimenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy