DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

FERMI TUTTI

Stop, troppa violenza: tutte sospese le 720 partite del weekend alle Baleari

MALLORCA, SPAIN - NOVEMBER 07: A general view inside the stadium prior the La Liga Santander match between RCD Mallorca and Elche CF at Estadio de Son Moix on November 07, 2021 in Mallorca, Spain. (Photo by Rafa Babot/Getty Images)

La Federcalcio delle Isole Baleari ha deciso di sospendere tutte le partite che si sarebbero giocate questo fine settimana, circa 720 gare, per protestare contro l'aumento della violenza sui campi e a sostegno degli arbitri

Redazione DDD

La decisione della Federcalcio delle Isole Baleari di sospendere tutte le partite che si sarebbero giocate questo fine settimana a sostegno degli arbitri e contro la violenza sui campi impedirà lo svolgimento di circa 720 partite di calcio. Lo ha confermato Miquel Bestard, presidente delle Isole Baleari: "Dobbiamo cercare di fermare gli spietati che attaccano gli arbitri e i padri e le madri che insultano. La sospensione del calcio è una misura che tutti stanno sostenendo a diversi livelli, e sono felice che sia così", ha detto Bestard.

 Foto EFE

La FFIB ha espresso in un comunicato in cui annunciava l'interruzione del calcio nelle Isole "la sua massima preoccupazione per gli ultimi eventi legati agli attacchi agli arbitri" e ha chiarito la sua "forte condanna di ogni tipo di comportamento violento nello sport". Bestard ha spiegato che il comitato arbitrale, stufo degli attacchi fisici e verbali che si susseguivano da mesi, aveva deciso di fermarsi in due categorie (Terza Divisione e Preferred Regional). "Non ero d'accordo", ha detto Bestard. "L'interruzione non poteva essere fatta da due sole categorie. Era meglio rimandare l'intera giornata di calcio e futsal", ha aggiunto.

Il presidente del calcio delle Baleari ha fatto riferimento anche alla vendita di alcolici sui campi, vietata dalla normativa vigente: "C'è gente che non lo accetta, ma è una questione che spetta al governo. So che ci sono due denunce in corso e io incontrerò i sindaci il 24 febbraio per chiedere la collaborazione dei comuni in questa lotta contro l'alcol negli stadi. Noi, come Federazione, possiamo sanzionare un club, giocatori, arbitri, ma non un cittadino. In questo compito le municipalità e la forza pubblica devono collaborare”. Bestard ha anche spiegato che prima di prendere la decisione di interrompere il calcio nelle isole, ha parlato con Luis Rubiales, presidente della Federcalcio spagnola (RFEF) e Luis Medina Cantalejo, presidente del Comitato tecnico degli arbitri (CTA).

tutte le notizie di