Un giocatore ferito all’occhio, il matrimonio del capo ultrà: la girandola del derby di Belgrado si ferma sull’1-1

Si è giocato il 163esimo “derby eterno” di campionato. Dopo tante partite senza gol, la Stella Rossa ha rotto il digiuno e ha pareggiato 1-1 sul campo del Partizan.

di Redazione DDD

Nei giorni scorsi un tifoso ultrà della curva del Partizan ha festeggiato il proprio matrimonio fra fumogeni e cori da stadio. Pensava di coronare il periodo delle nozze con la vittoria nel derby contro la Stella Rossa, ma i rivali hanno pareggiato su rigore ad un quarto d’ora dalla fine. Il Partizan ha avuto più di una occasione nel primo tempo, ma nel secondo la situazione è cambiata drasticamente con un assetto più offensivo degli ospiti.

Dejan Stanković ha promesso che i biancorossi avrebbero giocato in modo offensivo sin dall’inizio, ed è stato così. Falcinelli ha provato due volte a rendersi pericoloso, ma mentre la Stella Rossa stringeva il cerchio, il Partizan ha preso il comando al quinto minuto. Il giovane Eraković ha commesso un errore da principiante, sotto la grande pressione del derby. Prima ha consegnato la palla al29enne centrocampista guineano del Partizan Soumah e, nel tentativo di rimediare, è scivolato dentro e ha consentito a Stevanović di fare gol di sinistro. Partizan in vantaggio, ma dopo aver subito un colpo all’occhio, al 15esimo minuto, l’allenatore Aleksandar Stanojević ha dovuto sostituire Soumah, che stava giocando bene. In un duello con un avversario, il calciatore del Partizan ha ricevuto un colpo alla testa, più precisamente all’occhio. Il medico ha immediatamente segnalato che Soumah non poteva continuare la partita ed è stato trasportato direttamente dallo stadio all’Accademia medica militare per un esame.

Partizan-Stella Rossa 1-1, gli striscioni dei tifosi grobari padroni di casa

Con l’uscita di Soumah, la Stella Rossa ha preso il sopravvento in mezzo al campo e ha creato diverse occasioni, che però non si sono trasformate in gol. I padroni di casa del Partizan si sono concentrati sui contropiede, soprattutto sul lato sinistro dove i bianconeri hanno attaccato il giovane difensore Eraković. Gli ospiti hanno controllato il derby nella seconda parte della partita e hanno pareggiato 15 minuti prima della fine. Milos Jojic ha abbattuto Sanoga nella sua area di rigore quasi senza motivo, e Aleksandar Katai è stato preciso dal dischetto. Il tecnico del Partizan Aleksandar Stanojević era infastidito perché pensava che prima del rigore l’arbitro avesse assegnato un corner che non c’era alla Stella Rossa, mentre dalla panchina si udivano grida dispregiative a spese della squadra ospite. Il tecnico del Partizan a fine gara: “Hanno otto punti di vantaggio, erano ormai innocui, giocavamo in casa e hanno pareggiato solo su rigore. Non voglio piagnucolare, ma come posso essere soddisfatto?”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy