Castigato dopo mezzo errore ma non battuto: Rino Gattuso prepara già l’elmetto per il Camp Nou

Il dopo Napoli-Barcellona 1-1, i catalani saranno senza Busquets e Vidal

Le parole di Rino Gattuso al termine di Napoli-Barcellona 1-1: “Penso che il Barcellona ha trovato difficoltà perché abbiamo giocato una partita molto attenta. Siamo stati bravi sia con i centrocampisti che con tutta la squadra. Abbiamo sbagliato in una sola occasione. L’avevamo preparato il lavoro dei terzini. È merito del Napoli se il Barcellona non ha fatto quel che ha fatto quattro giorni fa. Non so. come stiano Mertens e Insigne. La caviglia di Dries era gonfia, è una botta, vediamo”.

Le altre dichiarazioni: “Sono dispiaciuto perché abbiamo commesso un mezzo errore e ci hanno castigati. Quando Lorenzo ha tirato,  erano liberi Milik e Zielinski, anche Callejon. C’è delusione perché abbiamo fatto una partita di sofferenza, la squadra a livello tattico ha sbagliato poco e niente. Abbiamo provato a palleggiare ma non riuscivamo a uscire, là potevamo fare meglio. Mi è piaciuta la pazienza, la voglia di non far passare nulla, di giocare di reparto in tutte le zone del campo, non perdere la testa e letture giuste per 90 minuti, buona qualità. Rammaricato per l’1-1 ma cambiava nulla 1-0 o 1-1. Dobbiamo fare grande partita, adesso abbiamo il Torino e la partita di coppa Italia. Giochiamo da squadra possiamo fare buone partite. Al Camp Nou il sogno è andare a fare le stesse cose però con 20 metri più avanti».

“Facciamolo pensare che è finita. Non è mai finita. Non lasciamo finire una partita tressette a perdere. Sappiamo che ci saranno difficoltà, compreremo elmetto e non è finito nulla, andremo a giocarcela. Darei un merito anche ai ragazzi, a livello tattico e di concetti è stata una grandissima partita. Si poteva fare pressione 10-15 metri più in avanti. Se non giochi di reparto, ti fanno venire il mal di testa. Non palleggiano e basta, verticalizzano da quando è arrivato Setién. Dobbiamo provare a far pressione 10-15 metri più avanti. Due tre volte che siamo usciti dalla pressione, potevamo fare meglio. Quando hai dietro Messi, Griezmann, hai paura di perdere palla. È ovvio2.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy