La Roma cancella il tifoso razzista in difesa di Juan Jesus: tu mai più allo stadio

La Roma cancella il tifoso razzista in difesa di Juan Jesus: tu mai più allo stadio

Razzismo social: pronto intervento della Roma

di Redazione DDD

L’AS Roma ha fatto un’azione importante denunciando alla polizia postale l’account “protagonista” di insulti razzisti su Instagram a Juan Jesus. In ogni caso non consentirà a vita all’autore di vedere allo stadio le partite della #Roma. Giusto ricordare che la Juventus prima e di recente anche la Sampdoria hanno fatto la stessa cosa con i tifosi che in due occasioni diverse hanno oltraggiato, mimando un aereo le vittime di Superga.  Chi si rende responsabile di cori razzisti, oltraggiosi verso le vittime dell’Heysel, di Superga, e simili deve essere severamente punito.

“Stai meglio al giardino zoologico” (solo uno degli insulti divulgati da Juan Jesus), era scritto nel messaggio diretto all’ex nerazzurro. “Il gestore di questo account Instagram ha inviato insulti razzisti disgustosi a Juan Jesus, attraverso un messaggio diretto – ha scritto il club giallorosso -. Abbiamo segnalato l’account alla Polizia e a Instagram. La persona responsabile sarà daspata a vita dalle partite dell’As Roma”. Era stato proprio Juan Jesus a chiedere pubblicamente l’intervento immediato della società: “Sapete già cosa fare con un tifoso così – aveva scritto menzionando la Roma -. Orgoglioso di essere quello che sono”.

Prima di questo episodio, c’era stata un’altra prodezza social, anche se in questo caso non di stampo razzista: “Finché vi vedo in Serie A non perdo la speranza di arrivarci”. Con tanto di foto di Juan Jesus e Federico Fazio. Il difensore centrale Stefano Ciavattini, ex settore giovanile della Roma e attualmente alla Pianese, con un post su Instagram ha pesantemente attaccato i due calciatori della Roma dopo la sconfitta contro l’Atalanta. Un post di cui lo stesso calciatore s’è pentito, viste le successive scuse

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy