Derby della Linguadoca: Montpellier-Nîmes a porte chiuse, ma i tifosi ospiti saranno all’allenamento della vigilia

Si giocherà a porte chiuse il derby tra Montpellier e Nîmes in programma domenica 4 ottobre. Per reazione, il club di tifosi dei Gladiatori di Nîmes 1991 ha chiamato a raccolta i fan per andare a sostenere la squadra in allenamento, il giorno prima della partita.

di Redazione DDD

Si giocherà a porte chiuse il derby tra Montpellier e Nîmes:  un duro colpo per i tifosi di Nîmes che attendevano con impazienza questo incontro. Il derby tra Montpellier e Nîmes si svolgerà questa domenica ma sarà senza pubblico. Il club di Montpellier lo ha annunciato ieri in un comunicato stampa: “Dato l’abbassamento della capienza a 1000 persone, il club non ha avuto altra scelta che rinunciare al suo pubblico per questo incontro, non volendo né penalizzare né avvantaggiare alcuni sostenitori”. Infatti, la situazione epidemiologica del Montpellier  impone ora un livello massimo limitato a 1000 sostenitori contro i 5000 precedenti.

Dal canto loro, durante la giornata, i tifosi del Nîmes si sono organizzati per mostrare il loro sostegno alla loro squadra. L’appuntamento per l’allenamento della vigilia, il giorno prima del derby, sabato alle 15.30. Il messaggio su Facebook è chiaro: messaggio “La vittoria è imperativa, i giocatori devono capirlo ”.
I biglietti saranno completamente rimborsati secondo i termini spiegati sul sito web del Montpellier.

La squadra della Paillade, il Montpellier, ha conquistato ben 7 punti su 9 negli ultimi tre derby contro i Coccodrilli del Nimes. Dal maggio 2018, quando i sostenitori del Nimes sono entrati in possesso dello stendardo della curva del Monpellieri, i tifosi ospiti non vengono ammessi allo stadio per il derby. Le ragioni della rivalità fra i due centri distanti 50 km fra loro, sono storiche e sociali. Le due città nel dopoguerra erano di dimensioni simili, anche se le università erano a Montpellier. A cavallo tra gli anni ’60 e ’70, Montpellier conobbe una crescita economica e Nîmes, no. Montpellier diventa capitale regionale. La rivalità non esisteva ancora, ma viene con il calcio. Nîmes, che era tradizionalmente il club della regione, è stato superato da Montpellier negli anni ’80.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy